Attenzione a Editori Riuniti-Roma

Dopo essermi consultato con il mio avvocato, durante la cena di ieri ho deciso di scrivere questo post.

Ormai quasi un anno fa sono stato contattato da  Editori Riuniti Roma, che si è dimostrata interessata a collaborare con me per una collana chiamata “Favole per bambini…” con storie scelte da Gianni Rodari . Mi hanno spedito gli altri libri della collana, illustrati da bravissimi illustratori e rimango colpito: sembrava un bel progetto.

Non ci siamo mesi d’accordo subito sul prezzo e sulle percentuali: offrivano una remunerazione molto bassa, quindi ho negoziato per un paio di settimane. Finalmente siamo arrivati a un accordo: oltre alle illustrazioni, io mi sarei occupato di tutto il libro, ossia dell’impaginazione, della grafica, della preparazione per la stampa, il tutto a fronte del pagamento di un’unica somma. Il contratto viene firmato e, come sempre, consegno tutto il materiale allo stampatore per la data concordata.

Il libro viene stampato e dopo tre mesi avverto Editori Riuniti che si avvicina la data dal pagamento-anticipo sui diritti d’autore. Il pagamento non viene effettuato e mi arrabbio, ma capisco che forse c’è l’estate di mezzo e sono tutti scapati al mare. Mi sbaglio: neanche al rientro dalle vacanze hanno mai risposto alla mail.

Nonostante l’intervento del mio avvocato, nessuno si è fatto più vivo. Non mi resterà altra alternativa che procedere legalmente: sarà caro, ma vale la pena purché i miei diritti vengano, finalmente, adeguatamente tutelati.

Ovviamente, posso solo parlare per la mia esperienza e non certo per quella di tutti gli altri illustratori coinvolti nella collana (che spero vivamente abbiano ricevuto un trattamento migliore di quello che ho ricevuto io e non si trovino nelle mie stesse condizioni). Per questo motivo, vi invito a confrontarvi anche con loro in merito alla loro esperienza, se dovete scegliere se lavorare o meno con Editori Riuniti su questa collana.

Attenzione a Editori Riuniti-RomaMiguel Tanco
110

11 comments on "Attenzione a Editori Riuniti-Roma"

  1. Francesca Capellini on

    Ciao Miguel
    so per certo che molti altri non sono stati pagati.
    Cercate di contattarvi per fare forza comune.

  2. Grazie Francesca, adesso ci siamo messi in contatto e faremmo forza, intanto cercheremo di avvertire i futuri illustratori della stessa collana. un caro saluto!

  3. Grazie per l’informazione ..e farò del mio meglio per spargere la voce!
    Un caro saluto da una lettrice/ammiratrice :=)

  4. ciao Miguel,
    sono uno degli autori in questione,anzi,il il primo della lista a dover essere pagato.
    posso conatttarti via mail?
    Ho ricevuto notizie,volevo aggiornarti.

    • Si, grazie Fabio. Cosí ti racconto anche la situazione degli alti che mi hanno scritto…

  5. Ciao Miguel,
    grazie per questo post.
    Rimango sempre più allibito da come è questo settore. Quella collana la trovo una delle più interessanti in Italia oggi, sia per la scelta degli illustratori che per la grafica che presentano, ed è un vero dispiacere.
    E’ giusto che risolviate la questione e che si venga a sapere quando un editore non è più professionale.
    Grazie, di cuore, grazie.
    Auguro a te a tutti gli autori coinvolti (alcuni li conosco personalmente) che risolviate tutto.
    Andrea

  6. Vi sembrerà strano ma proprio in questi giorni leggevo Storie per Giocare di Gianni Rodari pubblicato da Editori Riuniti e lo trovavo uno dei migliori libri dal punto di vista dei contenuti e della qualità grafica.
    Mi addolora (lavorando per case editrici straniere) come in Italia questo mal costume sia diffuso in ambito editoriale – è più frequente leggere vicende come questa che altro.
    Non vi nego che anche i diritti d’autore di altri paesi sono trattati in questa maniera (all’improvviso si blocca la comunicazione). Tanto che le case editrici francesi, nelle negoziazioni chiedono un cospicuo pagamento in anticipo da parte degli editori italiani come premessa per vendere i diritti dei loro autori, per i frequenti bidoni che si sono verificati. Dovrebbe sorgere un comitato per affrontare definitivamente questi “urgenti” problemi. Urgenti per la violazione dei diritti di chi lavora e dovrebbe anche poter sopravvivere del lavoro che fa, essendoci dei contratti dove sono pattuite le modalità di pagamento. Restiamo uniti.

    • sono d’accordissimo. Bisogna fermare tutto quello che possiamo fare come gruppo e comportamento individuale. Condividere informazione é un’inizio

  7. Ma non esiste nulla che ci possa in qualche modo tutelare?

Leave a Reply

Cancel

Your email address will not be published.